I NUOVI TREND CHE DOMINERANNO LA FORZA LAVORO NEL FUTURO

Workforce future
Workforce future

Nuove tecnologie digitali dirompenti stanno cambiando l’immagine del posto di lavoro e le aspettative dei lavoratori.

I dipendenti oggi stanno diventando sempre più mobili e tecnologici. I leader aziendali, IT e HR hanno bisogno di apportare seri miglioramenti all’ambiente di lavoro per soddisfare le esigenze sempre più emergenti, o rischiano di perdere i propri dipendenti rubati dalla concorrenza. La forza lavoro di oggi è in continua evoluzione.

Le aziende di oggi assumono sempre più millennial, che, rispetto alle vecchie generazioni, hanno abitudini e modi di pensare diversi.

Quello che cercano è maggior flessibilità e autonomia per lavorare.

Quali sono gli aspetti veramente importanti per i lavoratori del XXI secolo? In che modo è possibile integrare la tecnologia sul posto di lavoro?

 

 

La forza lavoro in evoluzione: le tendenze dirompenti che domineranno il futuro lavorativo

 

-LA “GIG ECONOMY”

Gig economy
Gig economy

 

Questo nuovo termine significa guadagnarsi da vivere, o integrare il proprio reddito, facendo lavori saltuari.


Il mercato del lavoro di oggi è caratterizzato da contratti a breve termine o lavoratori freelance che vanno a sostituire i classici posti di lavoro permanenti. Le imprese tendono a collaborare con questi lavori attraverso il mercato digitale, siti Web o portali appositi per lavorare su richiesta.


Nel 2015, più di un terzo di millennials (il futuro della forza lavoro) sono lavoratori indipendenti. L'evoluzione di oggi presuppone sempre più spesso una collaborazione senza legami formali con un'azienda. Grazie alla tecnologia in evoluzione e crescente connettività la gig economy sta diventando il nuovo mondo professionale.


> Il 40% della forza lavoro americana sarà freelance entro il 2029


Perché Gig Economy?


• Sempre di più chi offre lavoro oggi vuole aumentare la proporzione di lavoratori flessibili per ridurre i costi fissi
• I freelance a tempo pieno vogliono (1) alto grado di autonomia, (2) indipendenza non solo economica ma anche di gestione del tempo e (3) buon equilibrio tra vita lavorativa e vita privata.

 

-SPAZI DI LAVORO CONDIVISI

Smart working
Smart working

Rent-a-desk

In aggiunta alla gig economy, come altro elemento troviamo la condivisione dello spazio di lavoro.
Ad una crescente riduzione di postazioni fisse, conseguenza di un cambiamento mentale, si sta sempre di più affermando la condivisione dello spazio di lavoro e il relativo noleggio di una postazione/ufficio solo quando è effettivamente necessario.


Non è solo un vantaggio per i freelancer, ma anche per le aziende.
Il co-working è rapidamente emerso come una strategia di lavoro efficace per un numero crescente di organizzazioni.
La condivisione degli spazi di lavoro migliora l’efficienza lavorativa rispetto ai tradizionali uffici, perché vengono ottimizzati gli spazi e ridotti i tempi morti.

Le aziende possono integrare spazi di coworking noleggiando ed ottimizzando porzioni di spazi esterni all’azienda per ospitare venditori, consulenti, squadre specifiche oppure creare un ambiente di co-working all’interno dell’azienda affittandolo a chi ne ha esigenza.
Perché luoghi di lavoro condivisi?
La strategia di co working viene usata per attrarre i talenti, guidare l’innovazione, costruire la comunity, ottimizzare la produttività e utilizzare il patrimonio immobiliare in modo efficacie ed efficiente.


-AUGMENTED WORKFORCE


Il trend delle aziende è che l’inserimento nella forza lavoro di robot e intelligenza artificiale provocherà una rivoluzione nel concepire il lavoro.

Questo viene definito Augmented workforce.


All’aumentare della velocità di questo processo le organizzazioni devono riconsiderare come concepire e progettare e organizzare il lavoro e pianificare la crescita per il futuro.
È necessario saper riconoscere come il potenziale dell’automazione cambierà il mondo industriale e che impatto avrà sulla vita di ciascuno di noi.


L’interazione tra le persone e le macchine avverrà nello stesso modo lavorando verso un comune obiettivo: quello di guidare il business sempre più avanti.
Secondo le ultime stime, dal 2018, il 25% del customer service farà affidamento ad un’assistente virtuale.

-REALTA’ VIRTUALE E AUMENTATA

La fantascienza è diventata realtà La realtà aumentata e virtuale era considerata una prerogativa delle tecnologie di gioco.

Ora le aziende cercano nuovi modi per rendere l’ambiente lavorativo più tecnologico e in linea con le aspettative della forza lavoro.

La realtà aumentata sovrappone immagini e informazioni generate al computer al mondo che l’utilizzatore vede.

La realtà virtuale fa un ulteriore passo in avanti creando un coinvolgimento immersivo virtuale. Le aziende stanno testando applicazioni AR/VR per migliorare la produttività e generare nuove esperienze di apprendimento con training immersivi, incrementare la velocità di progettazione, collaborare senza frontiere da remoto e tanto altro.

La realtà aumentata e virtuale cambieranno il mondo tanto quanto gli smartphone perché abbatteranno i costi di progettazione, introdurranno nuovi mondi e trasformeranno il modo di comunicare e apprendere.

La Nasa allena astronauti utilizzando un simulatore di realtà virtuale, i team di sviluppo di Ford utilizzano e migliorano il design dei veicoli con Oculus Rift, Boeing ha abbattuto del 50% i tassi di errore durante la costruzione degli aerei grazie alla realtà aumentata.